e dalla “convivialità delle differenze” che nasce il vantaggio competitivo?


e dalla “convivialità delle differenze” che nasce il vantaggio competitivo? sono giorni che rifletto su una risposta sensata a questa domanda… e son giorni che torna alla mia memoria uno scritto di Alessandro Cravera, dal titolo Varietà genetica e competitività che è possibile rintracciare al seguente link http://complessita.wordpress.com/2010/03/24/varieta-genetica-e-competitivita/, ora Cravera conclude il suo pezzo scrivendo

Al crescere della complessità e della turbolenza dell’ambiente competitivo, la ricerca di allineamento, condivisione e coerenza a tutti i livelli (comportamentale, culturale, organizzativa, strategica) sta diventano foriera più di svantaggi che di vantaggi. Le imprese devono cominciare ad accettare e a ricercare una maggiore varietà e devianza al proprio interno. Questo significa immettere nel sistema persone con background, punti di vista e valori differenti, esplorare strade e territori inesplorati, dare credito a progetti innovativi, stimolare la critica e il dissenso costruttivo al proprio interno e rimettere periodicamente in discussione prassi, decisioni e convinzioni consolidate.

sarà forse questa la risposta che cercavo???????

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...