Nel giorno di Natale…


Nel giorno di Natale son sempre stato incuriosito dalle diverse letture che la chiesa propone durante la messa, c’è una lettura della notte, una dell’aurora e una del giorno. Ma soprattutto ciò che mi ha sempre affascinato è il pastorello che senza doni riceve lui il dono della festa, riceve il Signore tra le sue braccia. Nell’avvicinarmi al Natale penso sempre all’idea del messaggio evangelico che a mio modo di vedere rimane sempre basato sull’amore, sul nostro modo di vedere la vita come un processo che tende all’accoglienza di Dio, non è un caso che Dio si fa Bambino, rappresentando un Essere indifeso che cerca sicurezza e accoglienza. Siamo quindi noi pronti ad accogliere il Bambino? Siamo noi quindi consapevoli del peso che abbiamo tra le nostre braccia? La Famiglia ancora una volta ritorna come punto centrale, ma oggi essa, qualunque essa sia, è veramente il punto centrale del sistema economico che stiamo vivendo? Posso i contratti atipici permettere la serenità, l’accoglienza e la sicurezza che tutti noi ricerchiamo? Domande evidentemente retoriche se come si immagina la risposta continua ad esser No! Le sfide dei mercati si vincono con le idee degli uomini e questo lo si fa attraverso la valorizzazione delle Persone che lavorano.

In più di una occasione mi è stato chiesto lumi sull’utilizzo dei test nelle organizzazioni, come è noto io credo che l’utilizzo dei test come unica soluzione dei processi di selezione o di altro è sostanzialmente uno sforzo inutile, ma se inseriti all’interno di un processo che vede il test come uno degli strumenti per approfondire le caratteristiche individuali allora possono diventare strumenti vincenti. I test che credo sia fondamentale conoscere possono esser divisi in Test Cognitivi, i Test di personalità e i tesi di interessi professionali. È giusto ricordare che i test cognitivi si dividono in test di abilità generali, test attitudinali e test di conoscenze. Tra i primi si ricordi l’Eta-Beta, il Culture Fair Intelligence Test e le scale di Wechsler; tra i test attitudinali si ricordi il Dat, il Gatb, il Bcr, il Ts1, il Bital e il Gat; infine tra i test di conoscenze si ricordi il Pre-Engineering Cg-94. Tra i test di personalità si ricordi il Cpi, Mbti, Epps, 16pf, Cps, Gpp-I, Bfq, Epq, Ipv e il Loc-L. Tra quelli di interesse professionale il Tom, il Qip, Qvp, Svp Miq.  È chiaro che in un post non possono esser specificati ed approfonditi i vari test citati, ma credo per chi volesse approfondire il tutto ci si può rivolgere ad un libro I test nelle organizzazioni scritto dal prof. Argentero che non solo nella prima parte aiuta il lettore ad introdursi alla materia del testing psicologico ma nella sua seconda parte specifica ed approfondisce i test citati. Consiglio sempre a chi mi chiede lumi sui test nelle organizzazioni, questo libro non solo per la struttura e i contenuti del testo unici nel panorama della letteratura del testing all’interno delle organizzazioni ma anche per i suoi riferimenti bibliografici che guidano il lettore nei possibili successivi approfondimenti.

Il mio augurio non può quindi che esser rivolto alla gestione del personale, nella speranza che essa si faccia pastorello per accogliere il dono della Festa e aver il coraggio di viversi con i suoi strumenti, perché possa far diventare l’Uomo che lavora un valore aggiunto e non solo una risorsa…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...